Vittorio Grossi

Nato a Pico (FR) il 30 luglio 1960.

Sono stato dipendente delle Ferrovie dello Stato, poi Trenitalia, poi Trenord.

Sono in pensione grazie ai miei 42 anni e undici mesi di contributi dalle mese di dicembre 2018.

Ho svolto le mansioni di macchinista fino al 2002, poi Capo Deposito (gestione di locomotive e macchinisti).

Per circa 15 anni sono stato vice e presidente dell’ Associazione dopolavoro ferroviario di Bergamo.

Già consigliere comunale a Bergamo dal 2014 al 2019.

Nelle elezioni del 2014 non sono stato eletto pur triplicando i consensi.
In quella campagna elettorale il mio slogan è stato “prima di tutto una fermata ferroviaria all’ospedale papà Giovanni XXIII” cosa poi avvenuta.

Sono sposato e ho due figli Simone (30) e Lorenzo (22).